“C’È BARI E BARI” di Gianni Custodero

 

Copertina Custodero

 

C’È BARI E BARI. Storie, percorsi e curiosità

Autore: Gianni Custodero

Fotografie: Antonio e Roberto Tartaglione

Prezzo: Euro 15

Pagine: 112

 

 

È una città che ha tante facce e tante anime Bari. C’è quella in doppiopetto e cravatta del centro murattiano e c’è quella dignitosamente semiborghese della fascia tra centro e periferia, al di qua e al di là della cintura ferroviaria che divide in due la città e c’è, nel borgo antico, l’anima popolana e marinara, gelosa custode di abitudini e parole d’altri tempi.

Gianni Custodero

 

Per raccontare una città è necessario viverla, conoscerla, osservarla da vicino nei suoi mille volti e andare al di là dei luoghi comuni. Perché solo ascoltando gli umori profondi che la attraversano è possibile scoprirne la fisionomia e la personalità più autentiche. Una comunità, d’altronde, si costruisce e si rafforza non solo attorno a luoghi simbolo, capaci di connotare l’identità di intere generazioni; molto più spesso sono gli spazi consueti, le strade che pulsano della vita quotidiana, gli angoli più nascosti, a regalarci storie di normale, quanto straordinaria, umanità. È nei colori delle case, nella pietra viva del romanico delle nostre chiese, nell’odore del mare, nello spirito levantino che promana da ogni scorcio, nei richiami che echeggiano lungo le strade che ritroviamo l’essenza stessa di Bari. Questo libro ci consente, pagina dopo pagina, di viaggiare all’interno del nostro piccolo grande mondo alla scoperta di una città come non l’avevamo mai osservata prima. La penna sapiente di Gianni Custodero ci guida in questo percorso di conoscenza per regalare a noi tutti un punto di vista originale e ricco di nuove suggestioni. Alla memoria di Gianni Custodero, all’uomo, al giornalista e allo scrittore che tanto ha fatto per la sua amata terra, vorrei dedicare questa testimonianza a nome della Città di Bari.

Michele Emiliano


Gianni Custodero, (Fasano 1936 – Bari 2009) è stato, tra l’altro, un giornalista professionista impegnato a livello istituzionale come Dirigente del Settore Stampa della Giunta Regionale. Collaboratore di riviste e quotidiani, scrittore prolifico, ha pubblicato anche romanzi e poesie, ma soprattutto saggi di storia della cultura e di storia politica del Mezzogiorno, contribuendo al recupero di aspetti, momenti e personaggi dell’identità pugliese e meridionale. Tra i numerosi suoi titoli ricordiamo: Puglia letteraria nel Novecento (1982); Nel Mezzogiorno tra Giolitti e il fascismo (1982); Le Regioni, un fallimento all’italiana (1997); Storia del Sud (2001); Antichi popoli del Sud (2000); Napoli come Spagna (2001), Castelli di Puglia (2007). C’è Bari e Bari è il suo ultimo lavoro.